Non credo in Dio

dicembre 1, 2006

Metteteci Dio
sul banco degli imputati
metteteci Dio
e giudicate anche lui
con noi
e difendetelo voi
buoni cristiani
Portatemi Dio
lo voglio vedere
portatemi Dio
gli devo parlare
gli voglio raccontare
di una vita che ho vissuto
e che non ho capito
a cosa è servito
che cos’è cambiato
anzi
adesso cosa ho guadagnato
adesso voglio esser pagato
Portatemi Dio

 Vasco Rossi

Come un dannato ascolto questa canzone, ma non credo in Dio anche se non ho capito che mai fatto di male.

Altra canzone che mi rappresenta vivamente in questo momento è

Dammi una lametta che mi taglio le vene
(coro) ploloploploploploploplo
diventa bieca questa notte da falene
(coro) ploloploploploploploplo
promette bene si promette tanto bene
ma gimme gimme gimme
ma gimme gimme gimme
ma gimme gimme gimme
ma dammi una lametta che mi taglio le vene

dammi una lametta che ti taglio le vene
(coro) ploloploploploploploplo
ti faccio meno male del trapianto del rene
(coro) ploloploploploploploplo
ti voglio si ti voglio tanto bene
ma (coro) gimme gimme gimme
ma (coro) gimme gimme gimme
ma (coro) gimme gimme gimme
ma dammi una lametta che mi schioppo le vene

parlo già da sola
e disegno nell’aria
certo ho un po’ peccato ma che goduria
mi gioco tutto con candore e furia

e allora stop!
Senti come affetta questa lametta

da destra verso il centro zac!
Dall’alto verso il basso zip!
Che gusto che innesto gimme gimme gimme!
E allora stop!
Senti come taglia questa canaglia
ma che poltiglia gimme gimme gimme!
E allora stop!
Vivere in fretta
prendere al volo
tutto conviene dammi dammi dammi dammi

dammi una lametta che mi taglio le vene
(coro) ploloploploploploploplo
mi faccio meno male del trapianto del rene
(coro) ploloploploploploploplo
mi voglio bene si mi voglio tanto bene
ma (coro) gimme gimme gimme
ma (coro) gimme gimme gimme
ma (coro) gimme gimme gimme
ma gimme… ma gimme…
dammi una lametta che
(coro) dammi una lametta che
dammi una lametta che mi sgaro le veneeeee

Donatella Rettore

Ho la pellaccia troppo dura e non riesco a farmi uscire neanche un po’ di sangue, non forzo la mano perché non vorrei neanche farmene accorgere, ma il dolore mi rilassa.

Il dolore fisico libera dal dolore spirituale, mortificazione del corpo per una liberazione dell’anima.

  1. dicembre 7, 2006 alle 3:33 pm

    L’anima è libera… e poi, non lasciare che l’anima diventi orfana del tuo corpo troppo presto😉

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: