Home > Informatica, palermo, pensieri, opere, omissioni > Wrestling tra informatici

Wrestling tra informatici

dicembre 8, 2006

E’ appena cominciata una musichetta elettronica da videogames anni ‘80 e le luci si accendono incrociandosi su una “arancina chi pieri”, capelli lunghi e gran barbone. Qualcuno mormora, pare che si tratti di Richard Stallman, padre del progetto GNU e della Free Software Foundation.
Dall’altro una musichetta che ricorda un inno, ma non si capisce di che. Le luci illuminano uno smilzo, con occhialetti e cappelli con la “scrima” di lato. E’ lui, non ci sono dubbi, Bill Gates, il fondatore di Microsoft!

Entrambi salgono sul ring e comincia l’incontro. Gates è anche il produttore di palette per giurie e ha predisegnato il simbolo della Microsoft su tutte le palette in entrabe le facce.
Nessuno si è preoccupato si stampare uno gnu adesivo da mettere sull’altra faccia, troppo complicato.
Stallman viene dalla scuola del ju-jitsu, arte marziale primordiale da cui tutte le altre arti marziali hanno attinto per portarne un miglioramento, ma il suo stile è molto tecnico.
Gates invece ha copiato dal ju-jitsu le mosse di base e le ha riformulate in mosse segrete e le sferra in modo che nessuno le possa capire. Molti sembrano dalla sua parte perché senza capire che cosa fa sembra essere più divertente.
La lotta sembra pari, anche se un’accurata analisi del combattimento vede Stallman in testa, vuoi la stazza non indifferente, vuoi la tecnicità, vuoi la comunità che ha alle spalle per affinare le sue tecniche.
C’è inoltre da dire che Stallman è una persona con un lottatore che conosce poco lo stress e così riesce ad impegnarsi moltissimo nell’allenamento e nel combattimento finale.
Gates invece è stressato perché spesso soggetto a virus e quindi deve prendersi dei periodi di riposo prima di riprendere gli allenamenti.
Come nei migliori scontri tra big nel wrestling arriva sempre un terzo a contendersi il ruolo del big boss, ed ecco che mentre i due informaticomani se le suonano di santa ragione arriva un terzo, vestito di un casual bianco e argento. E’ Steve Jobs padre di Apple e la musichetta se la suona da solo grazie agli accessori del suo iPod.
Facendo un po’ d’attenzione alla sua giacchetta possiamo scorgere una mela “mozzicata” e multicolore come spilletta, è la firma che è lui.
Salta con strepitosa eleganza sul ring e si schiera contro Gates colpendolo con graziosi movimenti ricchi di effetti speciali, ma anche le sue techineche sono segrete.
Lo scontro adesso è tra i due veri titani, Stallman contro Jobs, GNU/Linux contro Microsoft.
Lo scambio di colpi è velocissimo, Steve si muove con l’agilità di un felino passando dalla tecnica della tigre a quella del giaguaro.
Richard sembra sfinito, Steve potrebbe dare il colpo di grazia adesso, invece protende la sua mano all’avversario riconoscendo in lui un ottimo talento.

Forse nessun vincitore, ma sicuramente un vinto…

questo è un commento per partecipare ad un contest su Rosalio.it, in palio dei biglietti per vedere il wrestling!

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: