Neuroni specchio

febbraio 9, 2007

I teorici delle scienze cognitve hanno scoperto una zona neurale che si attiva quando si intuisce l’intenzionalità dell’agire di un proprio simile, questa sarebbe la base materiale della teoria della mente, teoria con la quale noi crediamo l’altro in grado di avere le nostre stesse intenzioni ed emozioni etc…

Ma dove sono finiti i miei neuroni specchio? me lo chiedo intensamente…

  1. febbraio 10, 2007 alle 11:51 am

    non riconosci negli altri emozioni-intenzioni simili alle tue? o non riconosci più le tue emozioni-intenzioni?

    sarebbe interessante capire cosa non trovi negli altri,o cosa non trovi più in te. sarebbe interessante capire se il problema è al di là o al di qua dello specchio🙂

    tranquillo,adesso vado di là a prendere le mie medicine e mi passa tutto.
    un bacio
    manju

  2. febbraio 10, 2007 alle 2:46 pm

    ma ti stai leggendo il mio blog così da potermelo citare/rinfacciare? LOL!

    cmq per risponderti: anche se non ho pieno controllo delle mie emozioni, ne sono cosciente (e questo è già un guaio quando sai che stai sbagliando ma non riesci a fermarti).
    Il problema è se esiste uno specchio. Davvero sto leggendo le tue intenzioni? e le tue emozioni? in che modo io partecipo in te e in che modo io sono frutto della tua partecipazione in me? la partecipazione è diretta tra noi 2 o tra noi nel senso generale, di una astratta collettività sociale?
    In definitiva: Chi è l’altro? E’ un altro-sé o un altro-me?
    Se ancora non sono stato chiaro, non ti (vi) resta che aspettare, un giorno forse arriverò a formulare in parole quello che penso e scriverò il mio primo libro “Morale Michelinica”.
    😉

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: