Home > Cinema, pensieri, opere, omissioni > Il grande Lebowski

Il grande Lebowski

maggio 22, 2007

LocandinaNon potevo non vederlo, dopo essermi ubriacato bevendo White Russian, proprio non potevo.
Cosa c’entra questo buonissimo cocktail (Kalhua, Vodka e Panna) con questo film? E’ praticamente sempre presente, in quanto il protagonista ne beve in gran quantità.

Il grande Lebowski è un film con una trama scontata, in cui viene creata un po’ di confusione per non renderla troppo tale. La cosa bella invece è la sceneggiatura con trip d’acido e personaggi degli di queste scene, ed è di loro che vi scriverò.

Il protagonista è all’anagrafe Jeffrey Lebowski (interpretato da Jeff Bridges), Drugo per il mondo intero. Hippie sopravvissuto agli anni sessanta si diletta tra una birra al bowling con gli amici e trip d’acido quando possibile. Non rifiuta mai di bere, preparandosi (o facendosi preparare) il cocktail sopra mensionato.
Veste sempre con pinocchietti, giacchetta sportiva a maniche lunghe e scarpe da ginnastica. Ogni tanto porta degli occhiali da sole.
L’avventura di Drugo inizia per un caso di ominimia, per cui lo aggrediscono in casa sua credendo fosse un altro (molto più ricco) Lebowski. L’aggressione fisica non porta ad alcun risultato e allora lo aggrediscono moralmente pisciando sul tappeto del suo salotto.

Quel tappeto dava un tono all’ambiente

Entra qui il co-protagonista interpretato da John Goodman, l’amico di Drugo, Walter.
Walter è un veterano del Vietnam, cristiano convertito all’ebraismo per amore della moglie con cui è separato da anni e alla quale si zerbina volentieri.
Grassone esaurito non ha molto a che fare con lo stile freak di Drugo, anzi è sempre molto nervoso e va giù sempre violentemente ricordando sempre i compagni militoni caduti in Vietnam, facendo diventare anche lo spargimento delle ceneri del loro compagno di bowling molto grottesco.
Sempre pronto a passare alla cruda violenza la frase che cita più spesso è

Stai per entrare in una valle di lacrime, una valle di lacrime…

esordisce nel film citando Herzl

se lo vuoi con forza, non è un sogno

nonostante tutto è un osservante del Shabbat, il sabato sacro per gli ebrei.

I due si cacciano in casi immondi soprattutto per le manie di grandezza di Walter, fosse stato per Drugo avrebbe finito il compito assegnato come di regola e se ne sarebbe lavato le mani.

Tutto qua. Se volete sapere qualcosa su questo film, vedetelo, io ho voluto solo incuriosirvi raccontando di questi due tipi veramente forti😉

  1. maggio 22, 2007 alle 10:55 pm

    ho dei bei ricordi legati a questo film..dal white russian in poi..grazie mille per l’ennesima volta, anche per questo! :*

    strong hug

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: