Ben arrivato 2008

gennaio 2, 2008

Scrivo un po’ in ritardo, non ho avuto il tempo di farlo ieri come mi sarebbe piaciuto, come sarebbe stato giusto.

E’ passato tanto tempo dal capodanno 2007, sono successe tante cose, come ogni anno.
Il 2007 è stato un anno speciale, un anno triste, è stato un anno di crisi, di stress, un anno in cui la mia autostima si è messa continuamente in gioco.
Il 2007 è un anno che è iniziato maluccio ed è finito benone.

Non voglio dilungarmi molto sul 2007 e sui propositi per il 2008, anche se il mio resoconto l’ho fatto e sottoforma di gioco metto brevemente cosa lascio e cosa tengo dell’anno apena passato.

Cosa lascio al 2007

  • la mia intolleranza
  • la mia timidezza nell’approccio provolone

Cosa porto nel 2008

  • I miei colleghi
  • I miei amici
  • I forummari
  • I giovani della FIAB
  • I Subsonica
  • Personaggi che non rientrano nelle categorie precedenti
  • Il vino

Cosa mi  auguro nel 2008

  • La laurea
  • Un lavoro
  • Tranquillità
  • Tanti viaggi

Concludo questo post con una canzone che si è attaccata in testa la notte tra il 31 e il primo e che mi ha accompagnato per tutto il capodanno:

Disco Labirinto

Quasi quasi lo farei
Quasi quasi dimmelo
Quasi quasi ti ho tradito
E mi sono divertito
Quasi quasi non ti ascolto
Quasi quasi ho il vomito
Quasi quasi esagero
Se mi sopravvaluto

Vorrei una discoteca labirinto
Bianca senza luci colorate
Grande un centinaio di chilometri
Dalla quale non si possa uscire

Vorrei una discoteca labirinto
Bianca senza luci colorate
Grande un centinaio di chilometri
Dalla quale non si possa uscire

Quasi quasi ascoltami (training autogeno)
Quasi quasi mi sollevo (senza nessun aiuto)

Vorrei una discoteca labirinto
Bianca senza luci colorate
Grande un centinaio di chilometri
Dalla quale non si possa uscire
Vorrei una discoteca labirinto
Bianca senza luci colorate
Grande un centinaio di chilometri
Dalla quale non si possa uscire

Lovely, lovely, lovely, lovely, lovely, lovely

Vorrei una discoteca labirinto
Bianca senza luci colorate
Grande un centinaio di chilometri
Dalla quale non si possa uscire
Vorrei una discoteca labirinto
Bianca senza luci colorate
Grande un centinaio di chilometri
Dalla quale non si possa uscire

Vorrei una discoteca labirinto

Subsonica

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: