Home > pensieri, opere, omissioni > E’ quasi giorno, è quasi casa, è quasi amore

E’ quasi giorno, è quasi casa, è quasi amore

aprile 11, 2009

y1ppf-bfmqnzodmx3dkh3rzmq7xfv3kmbfyvidjjbp307hgaod0yrbsxa8ygptmjpg4

Lei sta arrivando, mancano solo pochi giorni.
La notte sta terminando ora che è più buio che mai.
Lunedì cominceranno le prime luci del mattino, di una nuova alba, di una nuova vita.

Inizierà finalmente il nostro, mio-suo-nostro, sogno.

Le nostre pelli si accarezzeranno, i nostri corpi caldi ci cureranno dalle ferite del mondo.

E già mi vedo lì, in quell’aeroporto dove cominciò la mia tristezza, con un sorriso da ebete pronto ad accoglierla.
Baci, abbracci, valigie, sorrisi, dentate, testate.

Entrare in casa, nella stanza, quella che già da ora è la nostra casa, la nostra stanza, il nostro letto, i nostri coinquilini.

Fare l’amore e non sentirci più soli.

Sentirci forti, pronti a superare qualsasi altra battaglia, perché dalla gueraa che è la vita noi ne usciremo vicintori!

  1. Dodi
    aprile 12, 2009 alle 1:16 pm

    Mancano solo quattro giorni, quattro.
    E non avremo solo ciò in cui abbiamo tanto sperato, ma c’è di più.
    Sarà tutto quello per cui abbiamo lottato.
    Credendoci insieme (L)

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: